Schegge di Utopie

Schegge di Utopie

Nel quinto anno del nostro Concorso LetterALPoetico Fotografico, intitolato “Schegge di Utopie”, abbiamo deciso di festeggiare creando un evento collaterale di due giorni che raccogliesse tutta la nostra passione per la poesia e l’arte.
Vi ringraziamo per aver condiviso con noi sogni e utopie, poesia e scrittura, pittura, fotografia e musica.
Speriamo che le nostre schegge di utopie abbiamo aperto un varco nelle coscienze e nei cuori di chi, come noi, vive di questi momenti.

Sabato 18 Maggio

Dalle 16.30 Inaugurazione evento – Note del Duo Diamanti  
Esposizione Fotografie e Componimenti Finalisti alla V Edizione del Premio e delle Opere del Pittore Giancarlo Fantini

Duo Diamanti è il progetto musicale di Marta Cataldi e Jacopo Sgarzi. Ispirati dal duo italiano Musica Nuda di Petra Magoni e Ferruccio Spinetti, ripropongono per solo basso e voce capolavori della musica italiana e internazionale intessendo tra essi il racconto di storie piccole e preziose, come diamanti.

Dalle 21.00 Cerimonia di Premiazione V Edizione del Premio

GIANCARLO FANTINI ha donato due opere alle prime classificate: Diana Belsagrio (sez. A) e Aurelia Rossi (sez. B).
L’Artista è nato ad Arona (NO) nel 1954 e qui sopravvissuto. Scorpione.
Di mestiere professore di piante, ha insegnato per una quarantina d’anni all’Istituto Agrario di Crodo (VB), “cessato” dal servizio a partire dal 1° settembre 2017.
Nel 2003 ha fondato l’associazione ArteAdAronA, di cui è l’attuale presidente, con più di cinquanta soci al momento iscritti.
Nel 2009 ha recuperato, con attento lavoro di restauro, l’ex cinema Moderno, trasformandolo nello Spazio Moderno.
La sua arte, che non è fatta solo di tele e colori, prevede l’utilizzo di materiali diversi: sabbie, terre e segature in primis sono le sostanze che utilizza per rendere al meglio le superfici e le profondità. Sue opere sono esposte in permanenza in luoghi diversi in Italia e all’estero. 

Le Mezzelane Casa Editrice. Chi sono?
Cuore tra le dolci colline delle Marche, testa nella multiculturale ed eclettica Berlino. Le Mezzelane Casa Editrice, è una giovane (nata nel luglio del 2016) e dinamica realtà editoriale italiana dalle idee aperte e che guarda lontano. Orgogliosamente NoEAP. Vi consigliamo di fare un giro nel negozio on line per scoprire tutti i libri della CE:
http://negozio.lemezzelane.eu/
L’antologia “Schegge di Utopie” è stata pubblicata sotto il segno de “Le Mezzelane Casa Editrice” che, inoltre, ha consegnato un premio speciale a Marinella Giuni (finalista): una targa e un contratto di pubblicazione per una propria opera.

Il “Fotoclub di Borgomanero – L’immagine” si è impegnato per la realizzazione di sei audiovisivi, attraverso i quali sono state svelate le opere vincitrici della V Edizione del nostro Concorso. 
Un altro collaboratore ci ha sostenuto nell’impresa utopica: “L’Araldo”. 
Il mensile on line ospiterà nella sua “Stanza poetica” i 6 vincitori della V Edizione del nostro concorso.

Domenica 19 Maggio

Dalle 10.00 Esposizione Fotografie e Componimenti Finalisti alla V Edizione del Premio e delle Opere del Pittore Giancarlo Fantini

Alle 11.00 Claudio Ardigò dialoga con le poetesse Maria Mancino (Ed. Babbomorto) e Antonia Flavio (Ed. Virgilio) – Letture di Stefano Impallomeni


Stefano Impallomeni è nato a Genova, laureto in Scienze Politiche. 
È stato Direttore di crociera, Responsabile ufficio stampa di un’azienda aeronautica, Direttore Artistico di Radio Tirreno e speaker. 
Attualmente vive in Sicilia, dove si dedica completamente alla sua grande passione: il teatro.
Anche quest’anno il nostro caro Amico, poeta e attore, Stefano Impallomeni ha preso l’aereo dalla Sicilia per accompagnarci con la sua voce in questa nuova avventura. 

MARIA MANCINO (1965), vive a Imola. È poetessa e narratrice.
Scrive poesie fin da bambina. Ha partecipato a vari premi poetici, manifestazioni e letture pubbliche. Incuriosita dalla narrativa ha poi cominciato a scrivere racconti, che ha pubblicato con le case editrici Fernandel e Negretto. Affronta attraverso una narrazione ironica i significati più profondi dell’esistenza. A fine 2017 pubblica con Babbomorto Editore Uccel di bosco, presto esaurito. A giugno del 2018 pubblica con Babbomorto Editore la raccolta poetica Bianco spino e nell’aprile del 2019 pubblica Mani d’argilla
(Babbomorto Ed.), un’altra raccolta poetica.
ANTONIA FLAVIO è nata a Cosenza nel 1977 dove attualmente vive con la famiglia.
Per Antonia la poesia è un istante di vita catturata e messa su un foglio bianco, un pensiero uscito dal profondo dell’anima e del cuore, uno stato d’animo nascosto che riaffiora nell’istante in cui prende in mano una penna e un semplicissimo foglio bianco. Le sue poesie sono prevalentemente autobiografiche ispirate da esperienze vissute in prima persona o da persone a lei vicine. Sono sentimenti ed emozioni che vengono espressi nella forma più dolce e delicata che conosce, ma a volte lasciano spazio a rabbia, delusione e nostalgia. “La mia vita” è la sua Opera prima.

Alle 15.30 Claudio Ardigò dialoga con il poeta Marco Amore (Ed. Samuele) – Letture di Stefano Impallomeni

MARCO AMORE (Benevento, 1991) nel 2010 pubblica il suo primo romanzo, scritto all’età di sedici anni, cui fanno seguito tre raccolte di racconti. Dal 2013 è attivo nel mondo dell’arte contemporanea come curatore di mostre in spazi pubblici e gallerie private, sia in Italia che all’estero. Di recente ha esposto, con il pittore Angelo Zanella, presso la Biblioteca Nazionale “Vittorio Emanuele III”, sez. Americana e Venezuelana, di Palazzo Reale, Napoli, un taccuino per parole e segni sulle orme di Henry David Thoreau. Vanta pubblicazioni di vario genere su testate online e riviste cartacee. Nel 2015 si classifica 1° (sez. poesia under 30) alla IV edizione del premio Michele Sovente. Dal 2017 conduce la rubrica “Prosit! L’arte come indicatore sociale” per Il Foglio Letterario.


INGRESSO LIBERO c/o Spazio Moderno, Via Martiri della Libertà, 38, 28041 Arona (NO)